TANGO MONSIEUR ?

Sabato, 14 Novembre 2015

Informazioni aggiuntive

  • Biglietto: poltronissima € 10 / platea € 8 / galleria € 6
  • Sipario: 21.00
  • Ingresso: 20.30

III  APPUNTAMENTO

FESTIVAL REGIONALE DEL TEATRO COMICO E BRILLANTE

 

Compagnia           I RESTI DI AMLETO

con:     TANGO MONSIEUR ?     di Aldo LO CASTRO

regia di: CESARE PASIMENI   

Direz. di scena e aiuto regia:    MARIAGRAZIA SURDO

 

Sinossi4 donne si ritrovano insieme, senza conoscersi, in una bella villa, chiamate ognuna dal suo "lui" e accolte da un maggiordomo vecchio stampo. Il "lui", guardacaso, è lo stesso per tutte e quattro e si guarda bene dal farsi trovare. Dopo un primo momento di sconcerto e reciproche litigate, le donne capiscono di essere state ignobilmente tradite dallo stesso uomo e di essere state convocate insieme in quella casa col solo scopo di scatenare il loro risentimento e liberarsi, così, definitivamente della loro presenza. Ma le cose prendono un'altra piega. Le donne ben presto si coalizzano fra loro e decidono di punirlo a loro modo. Lo attendono fino al rientro ed insieme gli dichiarano il loro amore ed il proposito di restare, tutte, insieme con lui. Lui ne rimane prima sorpreso, poi, da "maschio" inguaribile, si sente lusingato dalla prospettiva di un harem tutto per lui. Accetta, quindi, di sottoporsi ai massacranti turni dei rapporti d'amore stabiliti dalle quattro donne. Il risultato? Un infarto, ovviamente. Alla sua morte, le donne apprendono dal notaio che il testamento le lascia eredi universali del consistente patrimonio del defunto ma, vita natural durante, l'usufrutto di ogni bene è assegnato al fido maggiordomo. Finale: una volta fatto trenta, non è difficile immaginare il trentuno! 

 ****

 NOTE DI REGIA.

  “Chi di tango ferisce ... “: così può essere sintetizzata la messinscena di questo “scherzo tragico in un prologo e un epilogo” come lo definisce il suo autore. In effetti, il Tango è il filo ideale che unisce le vicende dei protagonisti. L’uomo apre e conduce le danze, esprimendosi nel ruolo di “conquistador”, dettando tempi, ritmi e destino delle sue “conquiste”. Ma che succede se le “conquistate” si appropriano delle armi del tango? E’ quanto avviene in questa storia in cui amore, seduzione, passione, vendetta,“maschiezza” e “femminità” si affrontano senza esclusione di colpi ma con eleganza e ironia, come si conviene a un tango.

****

in scena (i.o.a.):

Vito Di Noi            maggiordomo               (impeccabile)

Carmen Longo            una “mamma”            (in cornice)

Annarita Fersini         una “lei”                    (impetuosa)

Giampiera Di Monte     un’altra “lei”            (di classe)

Maria De Guido        ancora una “lei”          (sconcertata)

Daniela Capristo       ancora un’altra “lei”      (tenera)  

Antonio Andriola          “l u i”                (conquistador)

Pompeo Balestra           notaio                 (notaio)

 

con la straordinaria partecipazione di

Lucia Screti & Valerio De Nitto

della Scuola di Tango Argentino “Te quiero tango